Posts by Silvia Capriati

“La ragazza del treno”: libro e film

Negli ultimi tempi, ci stiamo abituando a leggere storie di donne incasinate e psicopatiche (vi ricordate il film Gone Girl?) o vittime di uomini violenti, come ne  La ragazza del treno, che è divenuto un vero e proprio caso letterario. Dopo essermi imbattuta in una serie di recensioni entusiastiche e aver visto la copertina ovunque, mi sono fatta convincere, illudendomi anche che rappresentasse una novità in termini stilistici e contenutistici,

Continua a leggere…

Il curioso caso di Benjamin Button: libro e film

La carriera cinematografica di Fitzgerald fu costellata di rifiuti, delusioni e amarezze. A circa settant’anni dalla sua morte, scivolata quasi nell’oblio, come una damnatio memoriae, nel 2009, un film, vagamente ispirato alla sua novella Il curioso caso di Benjamin Button, ha ricevuto ben tredici nomination all’ Oscar. Tutto ciò ha il sapore della beffa. Il curioso caso di Benjamin Button Se pensavate che La leggenda del pianista sull’oceano fosse un

Continua a leggere…

Vacanze a Nairobi con “La mia Africa”, Karen Blixen

– La Nairobi de La mia Africa La nostra città era Nairobi, a una ventina di chilometri, sulla pianura in mezzo alle colline. Là si trovava il palazzo del governatore e la sede centrale delle grosse ditte; di là veniva governato il paese. L’alone luminoso che, da certi punti della fattoria, si vedeva sovrastare Nairobi, la notte, mi ricordava le grandi città d’Europa, facendomi fantasticare. Una città piena di vita, in

Continua a leggere…

Revolutionary Road

Revolutionary Road: libro e film

I grandi libri, come i grandi amici, devono essere condivisi. Richard Ford La tanto agognata vittoria del buon Leo (Di Caprio) agli Oscar di quest’anno mi ha dato la giusta ispirazione per parlare di Revolutionary Road. Il film di otto anni fa, tratto dall’omonimo romanzo di Richard Yates, è diretto da Sam Mendes (lo stesso di American Beauty). Ho amato il libro e ho amato il film. Evento piuttosto raro, dal

Continua a leggere…

LB Edizioni Digitali: passato e futuro

Una manciata di secoli fa, il filosofo Montaigne affermava: siamo nani sulle spalle dei giganti. Un’ammissione candida e lucida, passata per troppo tempo in sordina, che però dovrebbe far profondamente riflettere. Ad oggi,  affannati alla ricerca del futuro perduto, sono pochissimi coloro che si cimentano nella delicata  impresa  di immergersi negli abissi del passato. Un atto di coraggio intrapreso, tuttavia,  dal giornalista barese Luigi Bramato, ideatore del progetto editoriale LB

Continua a leggere…

Cenerentola

Cenerentola

Il suono rassicurante della voce di papà, cadenzato da frasi ritmicamente strutturate e ripetute, la luce del lume e uno stuolo di peluches al mio cospetto sono fra i ricordi più vividi della mia infanzia. Le fiabe più belle erano quelle ascoltate nel dormiveglia; quando la voce diventava lontana  per lasciare spazio ai sogni. Il suono divenne immagine attraverso i film d’animazione della Disney. Ma la creatività di Walt che

Continua a leggere…

still alice 3

Perdersi – Still Alice

Alice, rispondi alle seguenti domande: – Che mese è? – Dove abiti? – Dov’è il tuo ufficio? – Quand’ è nata Anna? – Quanti figli hai? Se hai difficoltà a rispondere a qualcuna di queste domande apri il file “farfalla” sul tuo computer e segui immediatamente le istruzioni che trovi. Alice Howland  è una docente di psicolinguistica ad Harvard, brillante e di talento, moglie appagata e madre soddisfatta di tre

Continua a leggere…

La ladra di libri: libro e film

C’era una volta uno strano ometto. Aveva preso tre decisioni importanti sulla sua vita: 1. Avrebbe portato la riga dei capelli dal lato opposto a tutti gli altri. 2. Si sarebbe fatto crescere dei curiosi baffetti. 3. Un giorno avrebbe dominato il mondo. Il Fuhrer decise di dominare il mondo con le parole. […]. Il primo piano d’attacco consisteva nel seminare parole nel maggior numero possibile di luoghi del suo

Continua a leggere…

L’amore bugiardo: Gone Girl

Il libro Gone Girl di Gillian Flynn sta facendo molto parlare di sé negli ultimi tempi, esplodendo come caso letterario. Come spesso accade, adesso ci hanno fatto un film. Mi riesce difficile definirne il genere letterario di appartenenza poiché ne racchiude diversi: inizia come romanzo, poi si tinge di toni più scuri degni del thriller e del giallo. Sulla trama cercherò di fornirvi solo i dati strettamente necessari per evitare degli

Continua a leggere…

Lettori erranti

La Parigi letteraria tra ieri e oggi – Parte III

Chiunque voi siate, per crescere, provare, costruire, ammorbidire, lenire, mettete libri ovunque. Victor Hugo. Nel 15° Arrodissement, al 104 rue Brancion, c’è un parco dedicato a George Brassens: scrittore, poeta, cantautore ed attore francese. L’area verde è sobria e rilassante, ricchissima di vegetazione dai romantici colori pastello e dagli intensi profumi aromatici. All’interno dei padiglioni di ferro che costeggiano rue Brancion, dove anticamente c’era il mercato dei cavalli, dal 1987

Continua a leggere…

Lettori erranti

La Parigi letteraria tra ieri e oggi – Parte II

È una bella giornata di sole, una delle poche da quando sono qui: con cartina alla mano, francese maccheronico e immancabile zainetto fiorato cammino per il quartiere latino.  Ci siamo solo io e la città. Quella del quinto Arrondissement è una tappa fondamentale per i booklovers. Infatti, la presenza dell‘università Sorbonne e di numerose scuole storiche della Ville Lumière  lo rendono un effervescente distretto, da sempre affollato di studenti. Oltre

Continua a leggere…

Lettori erranti

La Parigi letteraria tra ieri e oggi – Parte I

Girovagare con un falafel in mano nel Marais è una delle esperienze più suggestive che si possano fare a Parigi. In questo quartiere, brulicante di vita e di colori arcobaleno, passato e futuro, cultura e divertimento si intrecciano. Vi imbatterete in tante caffetterie tradizionali, gallerie d’arte, numerosissimi  negozietti vintage e ovviamente, librerie. Quando si è lontani, si cerca sempre qualcosa che ci riporti un po’ a casa; questa volta, non potevano

Continua a leggere…

  • 1 2