11028643_447787008712785_1588575974_o
11025181_447786422046177_3895457796482567408_n
11030845_447786258712860_3544357366072587684_n
10432480_447786078712878_3541239732724730563_n

“Il sospetto”, uno sceneggiato da Friedrich Dürrenmatt

Il sospetto è un geniale “antiromanzo” giallo, in cui lo scrittore svizzero Friedrich Dürrenmatt cerca di rispondere agli interrogativi tipici della sua narrativa.

Cosa spinge l’anziano commissario Hans Barlach a indagare sul medico nazista Nehle, torturatore nel campo di concentramento di Stutthof, un boia che uccideva le sue vittime durante terribili operazioni chirurgiche? È un impulso irrazionale il suo, un inspiegabile bisogno di giustizia? O desidera che la ragione trionfi sul caos e sull’assurdo? E, soprattutto, che cos’è un sospetto e cosa spinge un uomo a sospettare di qualcuno?

Queste sono le domande che si pone anche chi guarda lo sceneggiato tv (1971) tratto dal libro dello scrittore di Konolfingen; domande che, come schegge impazzite, si sottraggono a una risposta definitiva. Daniele D’Anza dirige una trasposizione impeccabile e angosciante, girata quasi tutta in interni, in cui la tensione è nelle parole dei personaggi, interpretati da grandi attori come Paolo Stoppa, Mario Carotenuto e Adolfo Celi. E non è esagerato parlare di nostalgia per la televisione degli anni ’70, una televisione ingenua, profonda e lontana, i cui livelli difficilmente verranno raggiunti in futuro.
Ma poco importa. Ciò che colpisce de Il sospetto, oggi e sempre, è il lento sprofondare nello stesso incubo del commissario Barlach, un uomo disposto a tutto pur di stanare un pericoloso criminale nazista, un aguzzino che, in una lussuosa clinica di Zurigo, continua la sua corsa al massacro. Insieme al medico Hungertobel e all’evanescente amico Gulliver, Barlach scopre che Nehle operava solo volontari, i quali, se sopravvissuti alle torture, sarebbero stati rimessi in libertà, in un gioco sadomasochistico che fa esplodere qualsiasi distinzione tra vittima e carnefice.

Alla fine, il messaggio è evidente: il bisogno di fare giustizia è naturale quanto quello di commettere crimini e aberrazioni, un bisogno irrazionale, per il quale ogni spiegazione è inutile. Non resta che «i morti seppelliscano i morti» e che un Dio, lontano e imperscrutabile, ci assista, in silenzio, nella nostra battaglia.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.