Recensioni recenti

“Santa Maria delle Battaglie” – Raffaele Nigro

Sistemata tra i soppalchi di una libreria c’è Santa Maria delle Battaglie, una statua lignea del Cinquecento, ricavata dal tronco di un rovere abbattuto da un fulmine. Magdalena, in più momenti di sconforto, ha chiesto a questa statua di operare un miracolo: provare a svegliare la figlia e ridarle ciò che ha perduto, la memoria. Federica Cacciante condivide, infatti, lo stesso destino della statua, è immobile, vittima di un terribile incidente stradale.

Continua a leggere…

“Memorie di una Geisha” – Arthur Golden

La piccola Chiyo è costretta ad abbandonare la sua casa ubriaca di Yoroido, dove sua madre sta morendo e suo padre la segue cadendo nell’oblio della depressione. Chiyo viene separata da sua sorella e accompagnata in un okiya (una casa di geishe) di Kyoto dove, contrastata dalla bellissima Hatzumomo, riuscirà a diventare la geisha più desiderata del quartiere Gion, spinta da un sogno, una speranza, un’unica ragione di vita. Parliamo della

Continua a leggere…

“Diary” – Chuck Palahniuk

Per la cronaca, questo Diary non è un diario (infatti è scritto in 3° persona). Per la cronaca, questa è una storia vera (o almeno così vuol farci credere Chuck nella lettera finale). Per la cronaca, ogni cosa che facciamo è un diario. Involontariamente scriviamo la nostra vita, lasciando segni qua e là. Spesso capita di non riconoscersi, di guardare la propria vita da fuori e chiedersi: “Perché facciamo quel che facciamo?”.

Continua a leggere…

“Il sesso inutile” – Oriana Fallaci

Recentemente la BUR ha deciso di riedire diverse opere di Oriana Fallaci fra cui Il sesso inutile, che la grande giornalista scrisse nel 1961 in occasione di un lungo viaggio nel mondo orientale alla scoperta della condizione femminile. Sicuramente questa testimonianza fu di grande impatto in un periodo, gli anni ’60, in cui c’erano una miriade di differenze sociali fra uomo e donna nel mondo occidentale (sì, lo so, ce ne sono

Continua a leggere…

“L’ombra del vento” – Carlos Ruiz Zafón

L’ombra del vento , titolo del capolavoro di Carlos Ruiz Zafón, è il libro “maledetto” che Daniel Sempere trova nel Cimitero dei Libri Dimenticati. Si tratta di un luogo segreto dove vengono conservati migliaia di volumi sottratti all’oblio. Daniel è rapito da questo libro, che legge tutto d’un fiato, ecerca altri scritti dello stesso autore, Julian Carax. Tuttavia scopre che la sua è l’unica opera sopravvissuta del misterioso scrittore. Il ragazzo,

Continua a leggere…

“Quanta stella c’è nel cielo” – Edith Bruck

Edith Bruck, classe 1932, scrittrice ungherese di famiglia ebrea, ha vissuto in prima persona gli effetti della folle mania persecutrice della seconda guerra mondiale. Sopravvissuta ad Auschwitz, Dachau e non solo, giunge dopo anni in Italia imparando la nostra lingua. In “Quanta stella c’è nel cielo” (titolo tratto da un verso di un poeta connazionale Sándor Petòfi), con cui si è aggiudicata il Premio letterario della città di Bari nel

Continua a leggere…

“Tennis, tv, trigonometria, tornado e altre cose divertenti che non farò mai più” – D. F. Wallace

Dopo Tennis, tv, trigonometria e tornado (e altre cose divertenti che non farò mai più) posso ribadire il mio sconfinato amore per David Foster Wallace. Avete presente il ben noto desiderio di chiacchierare con i nostri autori preferiti? Di stringere loro la mano e ascoltare dalla loro voce qualsiasi cosa purché nel loro inconfondibile modo di raccontare? Ecco, moltiplicatelo per dieci e vi avvicinerete a capire quanto davvero Wallace sia

Continua a leggere…

“Cime tempestose” – Emily Brönte

Nel 1818 nasceva Emily Jane Brönte. Nel 1847 veniva pubblicato “Wuthering Heights”, l’unico romanzo di Emily Jane Brönte, definito da George Bataille “forse la più bella e la più folle, violenta storia d’amore[…]di tutti i tempi” . Nel 1848 moriva Emily Jane Brönte. Nel 2010 mi commuovo leggendo tanto odio e tanto amore condensati in un’unica storia. “Cime Tempestose” riesce a coinvolgere in maniera tanto forte il lettore, quanto i

Continua a leggere…

“L’urlo e il furore” – William Faulkner

Un libro terribilmente bello. Terribilmente perché bisogna voler superare tutte le difficoltà di ciò che è nuovo e complesso. Bisogna voler arrivare alla fine di questa intricata storia di famiglia bene del New England, per raccapezzarsi tra Caddy, il caddie, Quentin l’adulto – oppure Quentin la ragazzina?-, luci che si accendono e cose che si muovono e roteano, domestici negri e zii, fiere e bastonate. Bisogna vincere l’iniziale caos della mente

Continua a leggere…

“Cent’anni di solitudine” – Gabriel García Márquez

La storia dell’umanità. Del singolo e dell’umanità. Questo è “Cent’anni di solitudine”: un ciclone di vite, un tornado di esperienze, una bufera di scontri, passioni (anche nascoste, segrete, che non si possono, non si devono rivelare), amori, odi, silenzi, apatia, ma anche gioia di vivere, incoscienza. Sono entrata in questa storia, ho conosciuto Ursula, José Arcadio Buendía, i loro figli, i loro nipoti, fidanzati dei nipoti, bisnipoti, amici di famiglia, figli

Continua a leggere…

Interviste

Intervista ad Alessandro Silva

Poco tempo fa abbiamo recensito L'adatto vocabolario di ogni specie di Alessandro Silva, edito da Pietre Vive Editore, e così abbiamo voluto sapere qualcosa in più…

Continua a leggere...

Intervista all’illustratore Paolo Domeniconi

Qualche settimana fa, sulla nostra fan page, avevamo riportato l'interessante storia di Paolo Domeniconi, che ha cominciato la propria carriera come grafico e poi si…

Continua a leggere...

Intervista a G. Cescutti di LibRibelli

Qualche settimana fa abbiamo saputo della nascita di un’insolita libreria nella città di Trieste, la seconda di questo genere nel nostro Bel Paese. La curiosità…

Continua a leggere...