Recensioni recenti

“Il sesso inutile” – Oriana Fallaci

Recentemente la BUR ha deciso di riedire diverse opere di Oriana Fallaci fra cui Il sesso inutile, che la grande giornalista scrisse nel 1961 in occasione di un lungo viaggio nel mondo orientale alla scoperta della condizione femminile. Sicuramente questa testimonianza fu di grande impatto in un periodo, gli anni ’60, in cui c’erano una miriade di differenze sociali fra uomo e donna nel mondo occidentale (sì, lo so, ce ne sono

Continua a leggere…

“L’ombra del vento” – Carlos Ruiz Zafón

L’ombra del vento , titolo del capolavoro di Carlos Ruiz Zafón, è il libro “maledetto” che Daniel Sempere trova nel Cimitero dei Libri Dimenticati. Si tratta di un luogo segreto dove vengono conservati migliaia di volumi sottratti all’oblio. Daniel è rapito da questo libro, che legge tutto d’un fiato, ecerca altri scritti dello stesso autore, Julian Carax. Tuttavia scopre che la sua è l’unica opera sopravvissuta del misterioso scrittore. Il ragazzo,

Continua a leggere…

“Quanta stella c’è nel cielo” – Edith Bruck

Edith Bruck, classe 1932, scrittrice ungherese di famiglia ebrea, ha vissuto in prima persona gli effetti della folle mania persecutrice della seconda guerra mondiale. Sopravvissuta ad Auschwitz, Dachau e non solo, giunge dopo anni in Italia imparando la nostra lingua. In “Quanta stella c’è nel cielo” (titolo tratto da un verso di un poeta connazionale Sándor Petòfi), con cui si è aggiudicata il Premio letterario della città di Bari nel

Continua a leggere…

“Tennis, tv, trigonometria, tornado e altre cose divertenti che non farò mai più” – D. F. Wallace

Dopo Tennis, tv, trigonometria e tornado (e altre cose divertenti che non farò mai più) posso ribadire il mio sconfinato amore per David Foster Wallace. Avete presente il ben noto desiderio di chiacchierare con i nostri autori preferiti? Di stringere loro la mano e ascoltare dalla loro voce qualsiasi cosa purché nel loro inconfondibile modo di raccontare? Ecco, moltiplicatelo per dieci e vi avvicinerete a capire quanto davvero Wallace sia

Continua a leggere…

“Cime tempestose” – Emily Brönte

Nel 1818 nasceva Emily Jane Brönte. Nel 1847 veniva pubblicato “Wuthering Heights”, l’unico romanzo di Emily Jane Brönte, definito da George Bataille “forse la più bella e la più folle, violenta storia d’amore[…]di tutti i tempi” . Nel 1848 moriva Emily Jane Brönte. Nel 2010 mi commuovo leggendo tanto odio e tanto amore condensati in un’unica storia. “Cime Tempestose” riesce a coinvolgere in maniera tanto forte il lettore, quanto i

Continua a leggere…

“L’urlo e il furore” – William Faulkner

Un libro terribilmente bello. Terribilmente perché bisogna voler superare tutte le difficoltà di ciò che è nuovo e complesso. Bisogna voler arrivare alla fine di questa intricata storia di famiglia bene del New England, per raccapezzarsi tra Caddy, il caddie, Quentin l’adulto – oppure Quentin la ragazzina?-, luci che si accendono e cose che si muovono e roteano, domestici negri e zii, fiere e bastonate. Bisogna vincere l’iniziale caos della mente

Continua a leggere…

“Cent’anni di solitudine” – Gabriel García Márquez

La storia dell’umanità. Del singolo e dell’umanità. Questo è “Cent’anni di solitudine”: un ciclone di vite, un tornado di esperienze, una bufera di scontri, passioni (anche nascoste, segrete, che non si possono, non si devono rivelare), amori, odi, silenzi, apatia, ma anche gioia di vivere, incoscienza. Sono entrata in questa storia, ho conosciuto Ursula, José Arcadio Buendía, i loro figli, i loro nipoti, fidanzati dei nipoti, bisnipoti, amici di famiglia, figli

Continua a leggere…

“L’eleganza del riccio” – Muriel Burbery

Oltre 1.000.000 di copie vendute, scala le classifiche e diviene soggetto per un film. Stiamo parlando dello straordinario caso editoriale de “L’eleganza del riccio” stampato nella nostra penisola nel 2007 (un anno dopo l’uscita in Francia). È la seconda opera di una insegnante di filosofia, Muriel Barbery, che a quanto pare ha notevoli doti narrative. Certo, le sarà stato semplice infarcire il romanzo di nozioni filosofiche, ma la cosa sorprendente

Continua a leggere…

“Tagli” – Karin Slaugther

Un capolavoro della “signorina strage”: così è stata definita l’autrice di “Tagli”, un thriller coinvolgente da leggere tutto d’un fiato. La trama è densa ed intrigante, ricca di colpi di scena. Un sabato sera gli abitanti di Heartsdale decidono di trascorrere la loro serata alla pista di pattinaggio. Non mancano all’appuntamento Sara Linton, coroner e pediatra locale, e il suo ex-marito Jeffrey, capo della polizia. Sara intravede una sua ex

Continua a leggere…

“Una cosa divertente che non farò mai più” – D. F. Wallace

Alzi la mano chi istintivamente non associ la parola “crociera” a benessere, relax ed al “prima o poi mi piacerebbe” con cui si etichettano troppe cose che magari non si faranno mai. Non David. I suoi accenni alla disperazione che si affaccia nell’ospite di una motonave in giro per i Caraibi sono perfettamente condivisibili. Wallace è il genere di scrittore in grado di prendere un argomento con il suo pesante carico

Continua a leggere…

Interviste

Fondazione LIA: libri accessibili per tutti!

Qualche tempo fa vi avevamo parlato di Falvision, editore che pubblica testi contemporanei per non vedenti (qui l'intervista); oggi vi proponiamo l'intervista a Cristina Mussinelli,…

Continua a leggere...

Intervista a Domenico Maggipinto

Abbiamo voluto incontrare Domenico Maggipinto, putignanese, classe 1984, autore di Isola per Pietre Vive. Al momento, Domenico Maggipinto vive a Londra e si occupa di vendite per…

Continua a leggere...

Intervista a Luciano M. Pegorari di Falvision Editore

Abbiamo intervistato l'unico editore in Italia che pubblica libri di letteratura contemporanea in braille: ecco Luciano M. Pegorari, creatore di Falvision editore. Un editore pugliese,…

Continua a leggere...