Charles Dickens: la prosa eterna del romanziere britannico (con estratto)

Lo scrittore Charles Dickens spirò il 9 giugno 1870. A colmare il vuoto lasciato da questo gigante della letteratura mondiale, però, sono i suoi numerosissimi romanzi, ai quali moltissimi lettori, generazione dopo generazione, si affezionano. Chi non ha mai letto Grandi speranze, Canto di Natale, Oliver Twist, David Copperfield? La prosa fluidissima di Dickens ha ancora tanto da raccontare. Scopriamo insieme l’incipit del quarto romanzo dello scrittore, La bottega dell’artigiano:

È mio costume, vecchio qual sono, d’andare a passeggio quasi sempre di notte. L’estate, spesso, me n’esco di casa la mattina presto, e giro per i campi e i viottoli tutta la giornata, o anche me ne sto lontano per giorni o settimane di fila; ma, tranne che in campagna, di rado esco se non al buio, sebbene, e ne sia ringraziato il Cielo, io ami la luce del giorno e senta, al pari d’ogni creatura vivente, la gioia ch’essa riversa sul mondo.
Ho contratto quest’abitudine senza accorgermene, sia perché seconda la mia infermità, sia perché m’offre la più favorevole occasione di meditare sul carattere e la occupazione di quanti affollano le vie. Il barbaglio e il trambusto del pieno meriggio non s’adattano alle mie oziose fantasticherie; un’occhiata ai visi che passano, colta al riflesso d’un fanale o d’una mostra di bottega, spesso vale per il mio proposito, più della loro intera rivelazione alla luce del giorno; e, sotto questo rispetto, la notte, a dire il vero, è più riguardosa del giorno, il quale, non di rado, senza la minima cerimonia o il minimo rimorso, distrugge un bel castello in aria nell’atto stesso che si riesce a coronarlo.
È una meraviglia come gli abitanti d’anguste viuzze resistano a quel continuo passaggio da una parte e dall’altra, a quella perpetua irrequietezza, a quell’incessante esercitazione di piedi che consuma e fa lisci e lucenti i ciottoli più scabri. Si pensi un po’ in un luogo come Saint-Martin’s Court, a un malato che ascolti quello scalpiccìo e sia obbligato, in mezzo a tutti i suoi dolori e a tutte le sue tribolazioni, a distinguere (come per un compito assegnatogli), il passo del fanciullo da quello dell’uomo, la ciabatta del mendicante dallo stivaletto d’uno zerbinotto, l’ozioso dall’affaccendato, l’andatura dinoccolata d’un disgraziato senza tetto dal rapido movimento d’uno speranzoso cacciatore di piaceri — si pensi un po’ al brusìo e allo strepito sempre presenti ai suoi sensi, e al torrente di vita che non si arresta mai e che continua a riversarsi, a riversarsi, a riversarsi, attraverso a tutti i suoi sogni irrequieti, come se egli fosse condannato a giacere, morto ma consapevole, in un cimitero rombante, e non avesse alcuna speranza di riposo per tutti i secoli avvenire!
Poi le folle che passano e ripassano in continuazione sui ponti (su quelli, almeno, che sono esenti da pedaggio), dove molti si fermano nelle belle serate a fissar indolentemente l’acqua, con qualche vago pensiero, non mai formulato prima, che essa scorre fra due verdi sponde che si vanno sempre più allargando finchè non si congiungono con l’ampio, vastissimo mare — dove alcuni si fermano a riposare da gravi fardelli, e pensano, guardando oltre il parapetto, che fumare e passare in ozio la vita, e dormire sdraiati al sole su un impermeabile caldo, in una lenta e pigra barca, dev’essere una vera beatitudine — e dove alcuni, di una classe assolutamente diversa, sostano con fardelli ancora più gravi, ricordando di aver udito o letto in qualche giorno lontano che morire annegati non è penoso, ma il migliore e più agevole fra tutti i mezzi per sottrarsi agli affanni del mondo.
E poi si pensi anche al mercato di Covent Garden la mattina presto, in primavera o in estate, quando è nell’aria la dolce fragranza dei fiori, che vince persino le insane esalazioni delle baldorie notturne e rende quasi folle di gioia il triste cardellino, la cui gabbia è rimasta sospesa tutta la notte fuori la finestra d’una soffitta! Povero uccellino! Il solo oggetto lì intorno assolutamente simile agli altri piccoli pennuti, dei quali alcuni, ritraendosi dalle calde dita di compratori ancor ebbri, giacciono a testa china sul viale, mentre altri, sofferenti nell’angusto spazio in cui sono ammucchiati, aspettano l’ora di essere abbeverati e rinfrescati per riuscir graditi ad avventori più 7 sobrii e far domandare a qualche vecchio commesso che li vede recandosi alle sue faccende quotidiane, che cosa mai gli abbia ridestato in cuore le liete visioni della campagna.
Ma io non ho lo scopo di diffondermi sulle mie passeggiate. La storia che mi accingo a raccontare ebbe origine in una di queste escursioni; e sono stato indotto a parlarne per via d’introduzione.

Curiosi di leggere tutta la storia? Cliccate qui! (“Progetto Manuzio” dell’associazione culturale Liber Liber).

Tratto da La bottega dell’artigiano, di Charles Dickens.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.