Recensioni recenti

Ora e sempre resistenza

«Chi la dura la vince!» non sarà solo un luogo comune, ma una piccola verità: nella vita la liberazione è il punto d’arrivo di un percorso di resistenza. Nella Storia è un nuovo inizio, nonostante non abbia insegnato abbastanza: due conflitti mondiali e sono ancora tanti – troppi – i focolai accesi su tutto il pianeta. ʽResistenzaʼ è una parola fortissima, tenace e ambivalente. Se da una parte è opposizione,

Continua a leggere…

Intervista ad Alessandro Silva

Poco tempo fa abbiamo recensito L’adatto vocabolario di ogni specie di Alessandro Silva, edito da Pietre Vive Editore, e così abbiamo voluto sapere qualcosa in più dell’autore. Perché uno scrittore di Parma sceglie di scrivere sull’Ilva di Taranto? Ma soprattutto, perché in forma di poesia? Il caso dell’Ilva, fin da quando venne reso noto da telegiornali e quotidiani, produsse in me un’inquietudine talmente profonda da restarmi come ingombro nella mente. All’epoca

Continua a leggere…

“Un karma pesante” – Daria Bignardi

Daria Bignardi alle prese con il karma. Una storia semplice, raccontata in modo non banale, come la giornalista sa fare, e che ti trascina al suo interno.

Siamo con voi, bambini!

I bambini non si toccano, lo possiamo dire in molti ma non tutti lo fanno. Ce ne sono diversi, ultimamente, di episodi che vedono i minori maltrattati, sfruttati o devastati. Questo termine è – purtroppo – il più calzante, soprattutto in relazione ai recentissimi eventi in Siria. Non (s)cadremo nella retorica della denuncia dell’atrocità di un bombardamento a gas, perché sarebbero parole al vento che ruotano a vuoto, un po’

Continua a leggere…

Sergente Romano – Marco Cardetta

Lo dirò da subito: ho avuto un rapporto non proprio diretto e lineare con Sergente Romano, il romanzo “storico” (lo metto tra virgolette perché l’autore stesso, Marco Cardetta, si definisce un antistoricista), eppure quest’opera ha vinto il Premio Vittorio Bodini-La Luna dei Borboni 2014 ed è poi stato pubblicato da LiberAria nel 2016, ottenendo un’ulteriore vittoria per il Premio Pasolini – Barile, sempre lo scorso anno. Non ho capito cosa

Continua a leggere…

“Ma gli androidi sognano pecore elettriche?” – Philip K. Dick

Come si fa a non essere incuriositi da un titolo come Ma gli androidi sognano pecore elettriche? L’autore, ma credo lo sappiate già, è uno di quelli che adoro, ossia l’immenso Philip K. Dick. Di suo avevo già letto e conseguentemente recensito Ubik (e qui potete leggere anche la recensione de Le confessioni di un artista di merda). La stravaganza dei titoli, come è evidente, è uno dei timbri del genio di Dick. La location

Continua a leggere…

Il giocatore – Teatro Bellini, Napoli

Scena quasi spoglia, luci bluastre. Un uomo in carrozzina è seduto immobile, curvo; alle sue spalle una figura grottesca muove la sedia a rotelle, e infine lo scarica sul pavimento come un peso morto. L’uomo inerme è lui, il giocatore; il burattinaio che lo tiene in pugno è il croupier, che per tutta la durata dello spettacolo non sarà un personaggio, ma una maschera impersonale che proclama numeri in francese.

Continua a leggere…

Intervista all’illustratore Paolo Domeniconi

Qualche settimana fa, sulla nostra fan page, avevamo riportato l’interessante storia di Paolo Domeniconi, che ha cominciato la propria carriera come grafico e poi si è ritrovato a fare (o meglio, essere) l’illustratore di libri per ragazzi.  Sono evoluzioni che a noi emozionano, per questo le approfondiamo.  Nell’articolo comparso sulla Gazzetta di Modena, lei parla di un colpo di fulmine per i libri dei ragazzi, tanto che ha abbandonato la

Continua a leggere…

L’adatto vocabolario di ogni specie – Alessandro Silva

Non ho idea di come Alessandro Silva, scrittore di Parma, possa giungere a scrivere dell’Ilva di Taranto, in una insolita raccolta poetica… sarà che c’è L’adatto vocabolario di ogni specie o sarà per l’assonanza tra il cognome e lo stabilimento pugliese. Nella maggior parte dei casi sono convinta che la poesia possa astrarre ed elevare, alleggerire per condurre ad una verità superiore. Questa volta, dopo aver letto L’adatto vocabolario di

Continua a leggere…

Il mondo finisce al Caffè Torrefazione – Paolo Autino

Si dice che il mondo finisca al Caffè Torrefazione e che dopo quello non ci sia più nulla, tutto finito, oltre, non si va. È proprio quello che ci racconta Gianni, protagonista e voce narrante del romanzo di Paolo Autino. Ci troviamo nel 1976, quando tutto inizia, quando cioè la vita di Gianni e dei suoi amici si incrocia – forse sarebbe meglio dire ʽscontraʼ – con la famiglia Nocera,

Continua a leggere…

Interviste

Intervista ad Alessandro Silva

Poco tempo fa abbiamo recensito L'adatto vocabolario di ogni specie di Alessandro Silva, edito da Pietre Vive Editore, e così abbiamo voluto sapere qualcosa in più…

Continua a leggere...

Intervista all’illustratore Paolo Domeniconi

Qualche settimana fa, sulla nostra fan page, avevamo riportato l'interessante storia di Paolo Domeniconi, che ha cominciato la propria carriera come grafico e poi si…

Continua a leggere...

Intervista a G. Cescutti di LibRibelli

Qualche settimana fa abbiamo saputo della nascita di un’insolita libreria nella città di Trieste, la seconda di questo genere nel nostro Bel Paese. La curiosità…

Continua a leggere...