Disinstallare un aggiornamento PC: Come Fare

Aggiornamenti che danno problemi

Microsoft ha avuto dei problemi legali poco tempo addietro per aver generato aggiornamenti di Windows 10 senza il consenso degli utenti. La vicenda è arrivata davanti ai giudici di diversi Paesi che hanno condannato il colosso americano al risarcimento a favore degli attori delle cause. Questo è avvenuto perché molti utenti hanno riscontrato che i loro computer, dopo l’aggiornamento richiesto, hanno cominciato a presentare malfunzionamenti, alcuni addirittura si sono bloccati.

I danni in questo caso sono evidenti benché differenziati: immaginiamo chi utilizza il Computer per lavorare che si trova con il medesimo malfunzionante o addirittura bloccato quanto danno può riportare trovandosi nell’impossibilità di svolgere il suo lavoro.

Se hai notato problemi al tuo PC dopo un aggiornamento di Windows, ora non potrai agire legalmente poiché da quelle vicende legali in poi non sono più state eseguite manovre di aggiornamento automatiche senza il consenso dell’utente ma ugualmente non è detto che nell’aggiornamento tutto vada bene e lo stesso può avere come conseguenza un funzionamento anomalo del tuo PC.

Gli aggiornamenti sono fatti per migliorare il sistema operativo, soprattutto sul versante della sicurezza ma anche per implementare delle funzionalità ma talvolta tali aggiornamenti hanno dei difetti che provocano problemi. Se questo è il tuo caso, hai la possibilità di rimuovere l’aggiornamento e tornare alla situazione precedente risolvendo in pochi, semplici passi i problemi che sono sorti a seguito degli aggiornamenti.

Come disinstallare un aggiornamento

Se il tuo PC è dotato del sistema operativo Windows 10, per disinstallare un aggiornamento di Windows devi partire da “Start” per accedere al menu delle Impostazioni selezionando l’icona “Ingranaggio”; si aprirà una finestra nella quale cliccherai su “Aggiornamento e sicurezza”, seleziona la voce Windows Update”. A questo punto dovrai selezionare “Visualizza cronologia degli aggiornamenti installati” e poi ancora “Disinstallare gli aggiornamenti”. Ti troverai di fronte una lista di tutti gli aggiornamenti eseguiti tra i quali devi individuare l’aggiornamento che vuoi eliminare e una volta selezionato devi cliccare sul pulsante “Disinstalla” che si trova in alto.

Si apre a questo punto una finestra nella quale dovrai confermare l’azione cliccando su “Si”. In breve tempo l’aggiornamento sarà rimosso e si renderà necessario riavviare il Computer per rendere attiva, effettiva, la rimozione dell’aggiornamento che ti dava problemi. La procedura descritta è relativa alla presenza di Windows 10 mentre su altre versioni dovrai entrare nel pannello di controllo, selezionare “Disinstalla un programma” e selezionare la voce “Visualizza gli aggiornamenti installati”. Una volta individuato l’aggiornamento che vuoi disinstallare, selezionalo e clicca su “Disinstalla”; anche in questo caso si aprirà una finestra nella quale dovrai confermare l’operazione cliccando su “Sì” e nuovamente ti sarà proposto di riavviare il computer, cosa che dovrai confermare per far recepire dal PC l’operazione eseguita.

Come ripristinare uno stato precedente di Windows

Ogni aggiornamento crea un punto di ripristino che puoi utilizzare per ripristinare lo stato di Windows precedente all’aggiornamento. Per fare questa operazione devi partire da Start e selezionare dal menù che ti viene presentato la voce “Punto ripristino e seleziona la prima voce che ti viene presentata dopo tale selezione. Si aprirà una finestra nella quale devi cliccare sul pulsante “Ripristino configurazione di sistema” e metti un segno di spunta accanto alla voce “Ripristino consigliato”; Windows a questo punto ripristina il suo backup più recente.

Ricorda che gli aggiornamenti di Windows sono proposti sempre per migliorare le funzionalità e la sicurezza ma non sei obbligato ad aderire alla proposta, se il tuo Computer va bene com’è, in fondo quale motivo hai per aggiornarlo con il rischio di trovarti poi con dei problemi che richiedono interventi per riportare la situazione alla condizione precedente? Al contrario, se sei proprio convinto di dover avere sempre le ultime versioni più aggiornate, accetta l’aggiornamento ma devi essere consapevole che in questo modo potresti avere dei problemi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *