Posts by Azzurra Scattarella

“Facebook caffé”

Il sottotitolo di questo libro è “il luogo dei pensieri”. Fa riferimento alla mescolanza di vite, storie, personaggi e immagini che si incontrano in un bar, luogo per eccellenza dello scambio di “quattro chiacchiere”. Addirittura, in altri tempi, luogo delle rivoluzioni politiche e letterarie, come ricorda un po’ pomposamente Andrea Caponnetto nella premessa iniziale al libro. Certamente non era volontà dei frequentatori di questo virtuale caffè creare una nuova corrente letteraria o

Continua a leggere…

“Il piccolo principe” – Antoine De Saint-Exupéry

Il piccolo principe viene dal cielo, vive su un pianeta piccolissimo e lontano, così lontano che anche lui stenta a trovarlo nel cielo, così piccolo che tre baobab potrebbero causarne un eccessivo appesantimento. I suoi capelli sono biondi come l’oro, adora i tramonti (ne ha visti quarantaquattro in un giorno solo sul suo pianeta!) e non potrete mai dimenticare la sua risata. Porta sempre attorno al collo una sciarpetta ed è

Continua a leggere…

“Ragioni per vivere” – Amy Hempel

Se uno scrittore che vi piace già tanto, vi presentasse un altro autore dicendovi che è il suo “autore contemporaneo preferito” nonché uno tra “i migliori narratori di tutti i tempi”, potreste davvero resistere a comprare un suo libro il prima possibile? Non ci credo. Anche solo per curiosità, per fare un po’ come diceva Holden Cauldfield (a volte ritornano), telefonare ai propri scrittori preferiti per fare quattro chiacchiere eccetera

Continua a leggere…

“87 tragedie in due battute” – A. Campanile

Personalmente, sono sempre stata attratta dagli umoristi. Un sacco di gente, ed anche tanta bella gente, come critici ed intellettuali, la considera un’arte minore, ma non mi interessa (e poi, andassero a parlarne con Pirandello e Flaiano).E, quando ho comprato il libro di cui vado (dove vado?) a parlarvi (a voi?voi chi?), avevo bisogno di ridere. E a colpo sicuro, sono andata (ah da qualche parte, sono andata) su questa

Continua a leggere…

“Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte” – Mark Haddon

Lo strano caso del libro di Mark haddon non è assolutamente un caso. Non è un caso che questo libro abbia raggiunto presto le vette delle classifiche, restandovi in cima per più settimane, non è strano che sia stato tradotto in oltre 20 lingue, né è strano che abbia vinto premi letterari e che la Warner bros, lungimirante, abbia già comprato i diritti cinematografici del libro. Ciò che è strano, forse,

Continua a leggere…

“Wide Sargasso Sea” – J. Rhys

Questo libro mi è stato regalato prima di andare in vacanza, poiché ambientato nei Caraibi e quindi di buon augurio per il relax e lo spirito da villeggiatura; naturalmente, chi me l’ha regalato non aveva letto la storia o, perlomeno, non se la ricordava bene!!L’inquietudine e il malocchio perseguitano la protagonista e la sua famiglia, ed il fatto che qualcosa di terribile stia per avvenire è intuibile sin dalle prime

Continua a leggere…

“Diary” – Chuck Palahniuk

Per la cronaca, questo Diary non è un diario (infatti è scritto in 3° persona). Per la cronaca, questa è una storia vera (o almeno così vuol farci credere Chuck nella lettera finale). Per la cronaca, ogni cosa che facciamo è un diario. Involontariamente scriviamo la nostra vita, lasciando segni qua e là. Spesso capita di non riconoscersi, di guardare la propria vita da fuori e chiedersi: “Perché facciamo quel che facciamo?”.

Continua a leggere…

“L’urlo e il furore” – William Faulkner

Un libro terribilmente bello. Terribilmente perché bisogna voler superare tutte le difficoltà di ciò che è nuovo e complesso. Bisogna voler arrivare alla fine di questa intricata storia di famiglia bene del New England, per raccapezzarsi tra Caddy, il caddie, Quentin l’adulto – oppure Quentin la ragazzina?-, luci che si accendono e cose che si muovono e roteano, domestici negri e zii, fiere e bastonate. Bisogna vincere l’iniziale caos della mente

Continua a leggere…