Category Poesia

“Le giovani parole”, M. Gualtieri: discesa «dentro le venature»

Per dirla con Mario Luzi, si può leggere l’ultima raccolta di Mariangela Gualtieri come una discesa «dentro le venature» del mondo, «celestiale algebra» della vita che la poesia può insegnare solo ripartendo dalle «cortecce dell’essere» (Moltre miglia lontano dal cuore). Le Giovani parole sono prima di tutto un lascito per questa nostra epoca segnata dalle ferite della traversata, frantumata dai muri e dall’ansimare di un’accelerazione che incessantemente porta a smarrire

Continua a leggere…

“Luce nera” – Gianpasquale Greco

Se dovessi riassumere in una sola parola il mio stato d’animo al termine della lettura di Luce nera (Homo Scrivens, 141 pp., 13 euro), ebbene la mia scelta ricadrebbe sulla parola “stupore”. Sì, perché il secondo libro di Gianpasquale Greco, poeta e aforista napoletano, è stupendo nel suo senso più proprio: ovvero stupisce bellezza. Nelle pagine di questo volume non ci sono mere poesie, ma indagini, introspezioni, confessioni, impressioni ed

Continua a leggere…

Silenziosi Acrobati – Costanza Lindi

La poesia ha a che fare con l’anima e i suoi moti instabili e talvolta irrequieti; converrà allora essere Silenziosi  Acrobati  (Montecovello) per non perdere l’equilibrio o trovarne uno che vada bene situazione per situazione. Silenziosi Acrobati  è il titolo della raccolta di poesie di Costanza Lindi, laureata in Lettere Moderne all’Università di Perugia e autrice di un’altra silloge poetica disponibile on line – Il profumo delle tele di ragno

Continua a leggere…

“Viva Catullo” – Antonio Lillo

Non è un caso che il titolo della seconda raccolta poetica* di Antonio Lillo sia Viva Catullo: i parallelismi col poeta latino sono numerosi, primo fra tutti quell’odi et amo che efficacemente chiarisce la natura contraddittoria del sentimento di Lillo/Catullo (casuale consonanza?) nei confronti della sua crudele musa. Il fil rouge della raccolta, difatti, è la fine di un amore tormentato: l’intensità del sentimento ch’è stato e non è più

Continua a leggere…

“Era farsi” – Margherita Rimi

Non sono insolite le antologie poetiche che accolgono versi sparsi, scritti durante un certo periodo della propria vita. È così che Margherita Rimi raccoglie poesie nate nell’arco di trent’anni, segnate dall’esperienza di neuropsichiatra infantile. Il fulcro di questa ʽautoantologiaʼ, come l’ha definita la stessa autrice, sono i bambini, non quelli spensierati e felici, bensì minori che hanno subito violenze. Insieme alle loro vicende, si fa strada anche la voce dell’autrice

Continua a leggere…

“Gocce di mercurio” – Giuseppe Bonaccorso

Quando ho avuto tra le mani Gocce di mercurio, sono rimasta subito impressionata dal titolo. Così ho sfogliato con attenzione le pagine di questa silloge d’esordio del giovane ingegnere Giuseppe Bonaccorso. Ma ho trovato gocce di cristallo (in Piango nel mare) e frammenti di un ego scomposto che si serve della poesia per ritrovarsi nella melodia nostalgica che pervade la raccolta, come rimedio a una situazione di disillusione. Sogno e

Continua a leggere…

“al Limite” – Antonella Bukovaz

Saigyo, poeta e monaco giapponese del XII secolo scriveva: “Ascoltando il rumore / del torrente montano, / si può conoscere / lo scorrere veloce / della vita umana. ” ; questo tanka mi sembra possa ben introdurre alla natura liquida della poesia della Bukovaz e al suo panismo vocale che la rende linfa e abbeveratoio di tutto il paesaggio, un paesaggio desolato, una carne abbandonata, un involucro svuotato dove: “

Continua a leggere…

Derek Walcott – Mappa del nuovo mondo

“ Le vere biografie dei poeti sono come quelle degli uccelli, i dati veri vanno ricercati nei suoni che emettono. La biografia di un poeta è nelle sue vocali e sibilanti, nella sua metrica, nelle rime e nelle metafore. ”, è questa la frase cardine del saggio introduttivo di Brodskij che si pone come bussola di questa Mappa poetica suggerendoci quali siano i punti cardinali su cui concentrarci. Il ritratto

Continua a leggere…

“Come la pietra e il vento” – Alessandro Vetuli

 Ho terminato questa raccolta di poesie inciampando sulla foto dell’autore: occhiali da sole, luce riflessa, vento dappertutto e, incredibilmente, classe ’89. Uno scrittore di poesie di 23 anni, qualcosa che stupisce oggi, ma, certamente, non in passato, quando i versi erano l’espressione più diretta dell’anima e l’uomo sapeva che attraverso essi avrebbe potuto toccare le corde più sensibili dell’essere, azione che oggi pretendiamo di fare per mezzo di un i-phone

Continua a leggere…

“Ali Vive” – Antonella Ronzulli

Definirei questo libro di poesie un piccolo gioiellino da custodire, da tenere in mano, osservare, sfogliare. L’edizione è impeccabile, raffinata e semplice allo stesso tempo; e le sue pagine, oltre ad avere quell’odore inebriante della carta, “profumano” di vita, di esistenze, ricordi. Come Luperini ha fatto notare in una recente intervista, la poesia è lontana dalle leggi del mercato che spesso manipolano e inquinano la cultura e quest’opera di Antonella

Continua a leggere…

“Sono un vulcano” – Michelangelo Angiulli

Sono un vulcano è una silloge poetica illustrata di Michelangelo Angiulli, pubblicata dalla giovane casa editrice il Grillo. È poesia autobiografica che mostra l’autore intimamente, per una necessità di rappresentazione narcisistica di sé, ma anche per il piacere-sofferenza della ricerca artistica. L’universo metaforico dell’autore è molto fisico, è quello del tatto, del proprio corpo, della vita quotidiana, delle sue contraddizioni. L’uso delle anafore e delle assonanze caratterizza uno stile che

Continua a leggere…

“La casa viola” – Marco Scalabrino

Un giorno mi hanno chiesto: “che cosa è la poesia? Come si scrive?” E ho trovato difficoltà a rispondere al secondo interrogativo. Premettendo che, per me, la poesia è voce, anima, come dire a qualcuno che tecniche usare per scriverne una? Né, tantomeno, voglio giudicare e commentare una poesia. La poesia va letta, percepita, respirata, non necessariamente compresa, spiegata, analizzata. Detto ciò, non troverete qui un vero excursus analitico. Non

Continua a leggere…