Category Saggistica

Quel che conta non sa contare – A. Chiara Scardicchio

Un manifesto breve di Logica & Fantastica mi è sembrato un (auto)regalo opportuno per Natale, così ho letto d’un fiato in questi ultimi giorni del complicato 2016 Quel che conta non sa contare di Antonia Chiara Scardicchio, disponibile tra gli scaffali da un paio di settimane. Ho avuto più occasioni di incontrare di persona Chiara, che è docente e ricercatrice in Pedagogia Sperimentale, presso l’Università degli Studi di Foggia, nonché

Continua a leggere…

“Haiku e sakè. In viaggio con Santōka” – Susanna Tartaro

Susanna Tartaro è giornalista radiofonica, lavora nella redazione Radio3 per cui cura Fahrenheit, ma è soprattutto appassionata di haiku, come rivela il suo blog DailyHaiku. Santōka è il suo mentore ideale e il suo compagno di viaggio, letterario e non: una presenza leggera e densa, un fagotto umano fragile e fortissimo, come si copre in questo libretto che gli ha dedicato e uscito in autuno per la collana “Incendi” di add

Continua a leggere…

“Lettere sugli scritti e il carattere di Jean-Jacques Rousseau” e “Riflessioni sul suicidio” – Madame de Staël

«Fosse vissuta nel ventesimo secolo, si sarebbe tranquillamente riconosciuto a Madame de Staël quel ruolo di pensatrice politica che giustamente viene riconosciuto, ad esempio, ad Hannah Arendt. Invece, ai suoi tempi, le si rimproverava di “impicciarsi” di politica». A 250 anni dalla nascita di Anne-Louise Germaine Necker, meglio nota come Madame de Staël, la casa editrice Bibliosofica ripropone le sue Lettere sugli scritti e il carattere di Jean-Jacques Rousseau. L’edizione,

Continua a leggere…

“Stai zitta e va’ in cucina” – Filippo Maria Battaglia

Questa è la storia degli insulti, delle discriminazioni e dei pregiudizi politici nei confronti delle donne dal dopoguerra a oggi. È un racconto trasversale, scandaloso, spesso involontariamente umoristico, scritto interamente dai maschi. Con un incipit così, è difficile non infuriarsi subito, sin dalla prima pagina. Ma ho mantenuto la calma e, tranquillamente, sono andata avanti a leggere Stai zitta e va’ in cucina, il saggio di Filippo Maria Battaglia uscito

Continua a leggere…

“Facebook killed the internet star” – Marco Frullo Frullanti

Ho letto tutto d’un fiato Facebook killed the internet star di Marco Frullanti, Nativi Digitali Edizioni, fermandomi di tanto in tanto, anzi molto spesso, per le risate che le parole mi strappavano. Non si tratta di un testo umoristico ma di un saggio: un breve saggio su come sia possibile che da terreno di caccia per nerd e maniaci sessuali, com’è che internet è diventato il regno della ggente, con

Continua a leggere…

“Io sono quello” – Sri Nisargadatta Maharaj

La cosiddetta “letteratura spirituale”, in quanto nasce prevalentemente da trascrizioni di dialoghi e discorsi di maestri, ha il suo fascino proprio in questo: nell’assenza di un autore che programmi la stesura di un libro. Asistematici e disorganici, questi testi sono tuttavia perfetti nella loro composizione. «Ho ingoiato il mondo e l’ho dimenticato». Frasi così vivaci e così d’impatto, poi, contraddistinguono Nisargadatta da altri autori, pur di assoluto rilievo e spessore

Continua a leggere…

“La psicologia del giocatore di scacchi” – Reuben Fine

«Definendo gli scacchi un gioco, non ci si rende però già colpevoli di un’offensiva limitazione? Non sono anche una scienza, un’arte, categorie tra cui rimangono sospesi come la bara di Maometto fra cielo e terra, un vincolo straordinario fra tutte le coppie di opposti? Antichissimo eppure eternamente nuovo, meccanico nell’impostazione ma dipendente dalla fantasia, confinato in uno spazio rigidamente geometrico e ciò nonostante sconfinato nelle sue combinazioni, sterile eppure in

Continua a leggere…

“Fisiologia del fumatore” – Théodose Burette

Tra le varie bizzarrie che si erano diffuse nella società culturalmente bene della Francia all’inizio dell’Ottocento, ce n’erano due particolarmente interessanti: la prima era la diffusione delle physiologies, le fisiologie, testi brevi pseudoscientifici in cui si esaminava una qualche moda, una neonata abitudine sociale, o una particolare questione; la seconda era quella del fumare in società, una pratica che richiedeva un certo savoir faire, nonostante la grande democratizzazione di cui era portatrice.

Continua a leggere…

“Come Arcimboldo/food lovers”- Saverio Siciliano

Domenica 11 alle 11 a Libritudine Lissone introdurrò Saverio Siciliano. E mi appresto a consigliarvi la lettura… Vi siete mai chiesti quanti giochi di parole si possano fare utilizzando il cibo? Io prima di intraprendere la lettura di Saverio Siciliano non me n’ero mai preoccupato. E per questo il libro mi ha colpito così tanto. Siciliano non si limita a compiere brevi modi di dire capaci di strapparci un sorriso;

Continua a leggere…

“Il risotto alla milanese” – Felice Bonalumi

Questo libro sarà presentato sabato 10 alle 18 presso Ca Mat nel corso del Festival di Libritudine 7dal suo autore.  Quando si dice prendere un argomento e sviscerarlo sotto ogni aspetto. L’autore, milanese di nascita (?) e soprattutto di passione (lo si evince da come parla della città meneghina) compie un excursus storico dalla nascita del piatto dorato condendo la narrazione con le varie versioni della leggenda, fino ad arrivare

Continua a leggere…

“L’abbandono” – Martin Heidegger

«L’assenza di pensiero, che sempre più sta prendendo piede nel nostro tempo, si fonda su un evento che distrugge l’uomo nell’intimo: l’uomo del nostro tempo è in fuga davanti al pensiero». Nel corso di una conferenza del 1955, pubblicata come L’abbandono, il filosofo tedesco Martin Heidegger esamina le declinazioni del pensiero calcolante, quello che progetta e mette in conto, che insegue senza tregua un’occasione dopo l’altra, che è incessantemente all’opera

Continua a leggere…

L’arte allo stato gassoso – Yves Michaud

Il filosofo francese Yves Michaud, autore del saggio L’arte allo stato gassoso, si pone alcune domande per comprendere i mutamenti avvenuti nell’epoca del trionfo dell’estetica: la nostra epoca. Che cos’è dunque l’arte e come è cambiata nel corso del tempo? Esiste un giudizio estetico assoluto in un regime dominato dalla frammentazione di stili e tendenze? E soprattutto, ha ancora senso parlare di arte in un mondo in cui il bello

Continua a leggere…

  • 1 2 5