NarrantiErranti: un progetto di scrittura sul web

diego fontana

Quale filo invisibile lega un’arachide abbandonata su una tovaglia a quadretti e quell’artigiano giapponese che ancora forgia le spade secondo una tradizione millenaria? C’è un modo di collegare quella vecchia calcolatrice con i tasti sbiaditi e il cane fotografato sulla pagina della cronaca locale per aver aggredito la padrona? Quale tunnel dovremo scavare per unire il protagonista di un cartone animato con la maniglia in ottone di un armadio che custodisce chissà quali tesori?

Henri Poincaré, ultimo grande sapiente dell’Ottocento e precursore della teoria della relatività, sosteneva che l’atto creativo si ottenesse «stabilendo un legame tra elementi noti da tempo, ma fino ad allora sparsi e in apparenza estranei gli uni agli altri».

Ideato dal copywriter e autore Diego Fontana, NarrantiErranti inizia così. Con una domanda semplice eppure determinante: esiste sempre una via narrativa in grado di connettere tra loro due termini, anche apparentemente inconciliabili?

Ed ecco che, in meno di tre settimane, la pagina facebook e il blog si configurano come un laboratorio collettivo di micro-narrativa, che coinvolge autori noti, esordienti o semplici curiosi, tutti desiderosi di confrontarsi con questo divertissement letterario. Un punto di riferimento per leggere e scrivere, giocando con le parole e indagando le possibilità narrative della forma breve.

Ancora, NarrantiErranti è un’occasione per esplorare nuove formule di lettura e scrittura, sperimentando in chiave narrativa i media sociali e le possibilità offerte dalla condivisione quasi istantanea dei contenuti.

Il regolamento è semplice ma rigidissimo:

2 Termini da congiungere, 1 cammino narrativo da esplorare, 400 caratteri spazi inclusi per riuscirci. I testi, scritti direttamente nel corpo della mail, vanno inviati a: narrantierranti@gmail.com.
E allora esploriamo, percorriamo, scorrazziamo in lungo e in largo, divertendoci a creare storie per collegare elementi apparentemente inconciliabili, con la convinzione che, nascosto ai viandanti più distratti e abituati a praticare le sole strade dell’ovvio, esista sempre un cammino in grado di unire due punti.

Diego Fontana
www.diegofontana.com
info@diegofontana.com

329 1404322

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.